Created by Gio’

La Baracchetta di Biagio Lungomare Marinai d’Italia 3, 16036 Recco (Ge) P.I. 00817350101

 

Home Home Contatti Contatti SpecialitÓ SpecialitÓ PhotoGallery PhotoGallery Cosa dicono di noi... Cosa dicono di noi... WebCam WebCam Cosa bolle in pentola... Cosa bolle in pentola...
Focaccia col Formaggio di Biagio     Fugassa   co-o fÖrmaggiÖ                                   Dosi e Ingredienti : 1 kg  di farina "00", 1 kg  di crescenza freschissima, 4-5  dl  di acqua, 1 dl  di olio d'oliva, sale quanto basta Preparazione (su tegame di rame):    Preparare   gli   ingredienti;   formare   un   impasto   con   farina,   versando   un   po'   d'olio   d'oliva,   aggiungete   il   sale   (ed infine   l'acqua).   Lavorate   a   mano   (potete   farlo   anche   con   l'impastatrice)         sino   a   quando   l'impasto   risultera' morbido   e   liscio.   Farlo   riposare   per   circa   60   minuti         in   temperatura   di   circa   18/20   gradi   e   coprire.   Dopo   aver lasciato   riposare      l'impasto   per   60   minuti,   dividere   l'impasto   per   prelevarne   un   pane   di   circa   1/2   chilogrammo   e tirarlo   leggermente   con   il   mattarello   rendendo   la   pasta   sottile.   Mettere   le      mani   chiuse   a   pugno   sotto   la   sfoglia   e, ruotandola,   allargarla   e   renderla   piu'   sottile   possibile.      Appoggiarla   sulla   teglia   di   rame   precedentemente   oliata. Quindi   deporre   sulla   sfoglia   la   crescenza   in   piccoli   pezzi   (circa   una   noce   per   ciascun   pezzo)      in   senso   circolare. Fare   una   seconda   sfoglia   molto   sottile   (quasi   trasparente)   con   lo   stesso      procedimento   della   prima   e   ricoprire   la teglia   con   la   sfoglia   di   base   gia'   cosparsa   di   crescenza.   Chiudere   le   estremita'   delle   due   sfoglie   in   modo   che   i   bordi sovrapposti   risultino   ben   saldati      ed   eliminare   la   quantita'   di   sfoglie   (sopra   e   sotto)   che   fuoriescono   dalla   teglia.   Con   le   dita   pizzicare piu'   punti   della      pasta   formandovi   dei   fori   della   grandezza   di   circa   1   centimetro.   Cospargela   di   sale   ed   irrorarla   con   olio   d'oliva. Cuocere   in   un   forno   alla   temperatura   di   270/320   gradi   per   circa   5/7   minuti.   Il   forno   deve   essere   regolato   in   modo   tale   che   il   suolo   sia piu' caldo del cielo del forno. La cottura sara' ultimata quando la focaccia avra' un colore dorato sopra e sotto. Buon Appetito! P.S.   Ricordiamo   che   noi   cuociamo   la   focaccia   direttamente   sulla   base   del   forno,   in   parole   povere   non   utilizziamo   la   teglia,   ma   la   base sottostante   della   focaccia   viene   cosparsa   di   farina   di   granoturco   per   evitare   che   la   sfoglia   si   attacchi.   Qui   è   riportata   la   ricetta   che   più facilmente potete eseguire anche a casa. Resta il fatto che il metodo che anticamente veniva usato è quello da noi seguito.
SpecialitÓ SpecialitÓ
marchio registrato e di proprietà de La Baracchetta di Biagio
Created by Gio’

La Baracchetta di Biagio Lungomare Marinai d’Italia 3, 16036 Recco (Ge) P.I. 00817350101

Home Home Contatti Contatti SpecialitÓ SpecialitÓ PhotoGallery PhotoGallery WebCam WebCam
Focaccia col Formaggio di Biagio     Fugassa   co-o fÖrmaggiÖ                                   Dosi e Ingredienti : 1 kg  di farina "00", 1 kg  di crescenza freschissima, 4-5  dl  di acqua, 1 dl  di olio d'oliva, sale quanto basta Preparazione (su tegame di rame):    Preparare    gli    ingredienti;    formare    un    impasto    con    farina, versando   un   po'   d'olio   d'oliva,   aggiungete   il   sale   (ed   infine l'acqua).      Lavorate      a      mano      (potete      farlo      anche      con l'impastatrice)         sino   a   quando   l'impasto   risultera'   morbido   e liscio.   Farlo   riposare   per   circa   60   minuti         in   temperatura   di circa     18/20     gradi     e     coprire.     Dopo     aver     lasciato     riposare       l'impasto   per   60   minuti,   dividere   l'impasto   per   prelevarne   un pane    di    circa    1/2    chilogrammo    e    tirarlo    leggermente    con    il mattarello   rendendo   la   pasta   sottile.   Mettere   le      mani   chiuse   a   pugno   sotto   la   sfoglia e,   ruotandola,   allargarla   e   renderla   piu'   sottile   possibile.      Appoggiarla   sulla   teglia   di rame   precedentemente   oliata.   Quindi   deporre   sulla   sfoglia   la   crescenza   in   piccoli pezzi   (circa   una   noce   per   ciascun   pezzo)      in   senso   circolare.   Fare   una   seconda   sfoglia molto   sottile   (quasi   trasparente)   con   lo   stesso      procedimento   della   prima   e   ricoprire la   teglia   con   la   sfoglia   di   base   gia'   cosparsa   di   crescenza.   Chiudere   le   estremita'   delle due   sfoglie   in   modo   che   i   bordi   sovrapposti   risultino   ben   saldati      ed   eliminare   la quantita'   di   sfoglie   (sopra   e   sotto)   che   fuoriescono   dalla   teglia.   Con   le   dita   pizzicare piu'   punti   della      pasta   formandovi   dei   fori   della   grandezza   di   circa   1   centimetro. Cospargela   di   sale   ed   irrorarla   con   olio   d'oliva.   Cuocere   in   un   forno   alla   temperatura di   270/320   gradi   per   circa   5/7   minuti.   Il   forno   deve   essere   regolato   in   modo   tale   che   il suolo   sia   piu'   caldo   del   cielo   del   forno.   La   cottura   sara'   ultimata   quando   la   focaccia avra' un colore dorato sopra e sotto. Buon Appetito! P.S.   Ricordiamo   che   noi   cuociamo   la   focaccia   direttamente   sulla   base   del   forno,   in parole   povere   non   utilizziamo   la   teglia,   ma   la   base   sottostante   della   focaccia   viene cosparsa   di   farina   di   granoturco   per   evitare   che   la   sfoglia   si   attacchi.   Qui   è   riportata la   ricetta   che   più   facilmente   potete   eseguire   anche   a   casa.   Resta   il   fatto   che   il   metodo che anticamente veniva usato è quello da noi seguito.
marchio   registrato   e   di   proprietà de La Baracchetta di Biagio